Keyword nel CV: come scegliere quelle giuste

Il curriculum rimane lo strumento più importante per presentarsi ai recruiter, e quindi deve risultare efficace e ben scritto. I contenuti, lo stile, la struttura, l’impostazione e le eventuali omissioni presenti nel cv comunicano all’interlocutore le caratteristiche personali e professionali che rispecchiano il vissuto di ognuno. Da alcuni studi è emerso che ci sono “keywords” che invogliano i selezionatori a leggere il CV, e che se usate correttamente possono metterci in risalto positivamente. Ovviamente devono essere correlate e inserite solo in base alle nostre effettive competenze.

Le principali “keywords” da inserire nel CV

Quando si leggono i vari annunci di lavoro, è possibile individuare già nel titolo le principali parole chiave. Inserirle all’interno del proprio CV rappresenta un importante valore aggiunto, in quanto indicherà come l’expertise acquisita sia applicabile a quella determinata posizione lavorativa. La parola chiave per eccellenza è “Competenza“, infatti questo termine indica un utilizzo provato di conoscenze e abilità in situazioni specifiche di lavoro. 

Sotto alcuni esempi di competenze:

  • Competenze Specifiche relative all’area funzionale – Contabilità, lancio del prodotto e scrittura delle proposte
  • Competenze Trasversali – Soluzione dei problemi, comunicazione, vendita e gestione del team
  • Hardware e Software Utilizzati per il Lavoro – Dreamweaver, SQL e VOIP
  • Titoli di Lavoro – UX Designer, Business Development Manager e Full stack Developer
  • Formazione e Certificazione – Six Sigma, Project Management e ITIL
  • Formazione – MBA, Dottorato di ricerca e Corsi specifici
  • Impressive Terms – PMP® e venditore top

Parole chiave: consigli utili 

Spesso nelle ricerche di selezione vengono utilizzati gli Applicant Tracking Systems (ATS) , dei software che supportano per le prime fasi della selezione del personale. Scandagliando tutti i dati forniti dagli applicanti, il sistema individua solo le informazioni che combaciano con la job description, individuando i candidati migliori. Per riuscire a passare questi filtri, ci sono alcuni accorgimenti che si possono utilizzare nella stesura del proprio CV:

  • Utilizzare la stessa terminologia dell’annuncio: è fondamentale leggere con molta attenzione le parole e frasi contenute nell’offerta di lavoro e applicarle al proprio cv. I selezionatori verificheranno se la terminologia professionale sarà compatibile con la loro attività.
  • Dare valore alle proprie skills: mettere in rilievo le skills più rilevanti o eventuali punti di forza, come certificazioni o capacità compatibili con quanto richiesto
  • No ad acronimi o neologismi: evitare l’utilizzo esclusivo di acronimi, e nel caso venissero inseriti nel cv, specificare la parola estesa tra parentesi. Inoltre è meglio evitare un uso troppo creativo del vocabolario, inventando parole e neologismi.

Le keyword è importante che vengano posizionate all’interno del cv e che rimandino all’annuncio di lavoro. Mettere in risalto quelle che si reputano più rilevanti, ed eventualmente prepararsi a motivarle a voce. 

Per aiutare le Persone ad orientarsi al meglio noi di S.A. Studio Santagostino abbiamo ideato dei percorsi di Consulenza di Carriera Taylor Made; grazie ai “PERCORSI FAST” di Career Coaching possiamo supportarvi attraverso interventi indirizzati a sviluppare i seguenti argomenti: 

LEGGI ANCHE:

Consulenza di carriera: come può esserti utile?

Come trovare il lavoro adatto a te: scegli la Consulenza di Carriera

Ottimizza LinkedIn e fatti trovare dagli head hunter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sei alla ricerca di un lavoro o quello che hai non ti soddisfa piu'?
Scarica l'ebook gratuito "I 5 step che aiutano a crescere" e diventa protagonista del tuo futuro professionale
Sei alla ricerca di un lavoro o quello che hai non ti soddisfa piu'?
Scarica l'ebook gratuito "I 5 step che aiutano a crescere" e diventa protagonista del tuo futuro professionale