Accedi | Registra il tuo CV

CORSI DI FORMAZIONE MANAGERIALE

Pianificare governando la complessità per un business plan di successo

Obiettivo del corso è creare competenze per l’ideazione e implementazione efficace di piani d’impresa ambiziosi ma realistici. L’approccio critico-dialogico adottato è finalizzato a comprendere i principi fondamentali del metodo, così da avere una bussola utile nei contesti complessi e poco strutturati in cui oggi le imprese operano. La prassi e il ragionamento avanzano sinergicamente, nel reciproco richiamo.

PROGRAMMA

1. Pianificare

  • La capacità di problematizzare ed essere obiettivi
  • Pianificare gli imprevisti
  • La disposizione all’accoglienza
  • La prudenza non è mai troppa?
  • Il giudizio di business iniziale
    • La valutazione rapida della situazione dell’impresa e del contesto in cui opera
    • Esame critico della valutazione rapida
    • Il disegno del modello di business attuale
  • Il processo di chiarimento degli obiettivi dell’impresa:
    • Fare le domande giuste: che cosa è rilevante?
    • Whishful thinking: quando volere impedisce di potere
    • Creare le condizioni per giudicare bene: il rischio dei bias cognitivi e il controllo dell’ambiente
    • Più informazione o più confusione? Vedere meno per vedere meglio
  • Il ritmo della pianificazione d’impresa: l’approccio R.E.M. (Razionale, Emotivo, Motorio)
    • Rallentare per vincere le sfide d’impresa: la gestione dei tranelli
    • Intensità e volume di lavoro
    • Quando dormire genera idee
  • L’opinione degli altri all’interno e all’esterno dell’impresa: quando farvi affidamento,  e quando no
  • La stesura del piano d’impresa
    • Disegnare il piano: metodi per individuare gli elementi di business significativi e le relazioni di interdipendenza
    • Vivere oggi il domani: la stesura efficace del piano
    • Il business plan: i risultati economici del piano
  • La verifica della sostenibilità del piano d’impresa

2. Condividere

  • La condivisione del piano e degli obiettivi del business plan: negoziazione all’interno dell’impresa, coinvolgimento, unità
  • L’importanza delle immagini e degli affetti per una condivisione efficace
  • Un piano semplice, non semplicistico

3. Realizzare

  • Vincere in contesti mutevoli e incerti: quando l’autonomia è una risorsa preziosa per raggiungere gli obiettivi d’impresa
  • L’agilità strategica
  • Poche idee, chiare
  • Competenze e ‘senso del campo’: muoversi in modo efficace in contesti incerti  e articolati
  • La giusta tensione

4. Sperimentazione sul campo, nuove opportunità emergenti e ri-adeguazione del piano d’impresa (Business Model Innovation)

A CHI SI RIVOLGE

A ogni persona che, all’interno dell’impresa, sia responsabile della definizione e realizzazione di piani aziendali che richiedono di gestire la complessità interna o esterna (arena competitiva, trend di settore, forze macroeconomiche).

DATI ORGANIZZATIVI

Durata: da 16 o 40 ore in ragione delle esigenze rilevate

Modalità di erogazione: alternanza teoria ed esercitazioni

ESERCITAZIONE

Roleplay e simulazione

1. Pianificare

  • La capacità di problematizzare ed essere obiettivi
  • Pianificare gli imprevisti
  • La disposizione all’accoglienza
  • La prudenza non è mai troppa?
  • Il giudizio di business iniziale
    • La valutazione rapida della situazione dell’impresa e del contesto in cui opera
    • Esame critico della valutazione rapida
    • Il disegno del modello di business attuale
  • Il processo di chiarimento degli obiettivi dell’impresa:
    • Fare le domande giuste: che cosa è rilevante?
    • Whishful thinking: quando volere impedisce di potere
    • Creare le condizioni per giudicare bene: il rischio dei bias cognitivi e il controllo dell’ambiente
    • Più informazione o più confusione? Vedere meno per vedere meglio
  • Il ritmo della pianificazione d’impresa: l’approccio R.E.M. (Razionale, Emotivo, Motorio)
    • Rallentare per vincere le sfide d’impresa: la gestione dei tranelli
    • Intensità e volume di lavoro
    • Quando dormire genera idee
  • L’opinione degli altri all’interno e all’esterno dell’impresa: quando farvi affidamento,  e quando no
  • La stesura del piano d’impresa
    • Disegnare il piano: metodi per individuare gli elementi di business significativi e le relazioni di interdipendenza
    • Vivere oggi il domani: la stesura efficace del piano
    • Il business plan: i risultati economici del piano
  • La verifica della sostenibilità del piano d’impresa

2. Condividere

  • La condivisione del piano e degli obiettivi del business plan: negoziazione all’interno dell’impresa, coinvolgimento, unità
  • L’importanza delle immagini e degli affetti per una condivisione efficace
  • Un piano semplice, non semplicistico

3. Realizzare

  • Vincere in contesti mutevoli e incerti: quando l’autonomia è una risorsa preziosa per raggiungere gli obiettivi d’impresa
  • L’agilità strategica
  • Poche idee, chiare
  • Competenze e ‘senso del campo’: muoversi in modo efficace in contesti incerti  e articolati
  • La giusta tensione

4. Sperimentazione sul campo, nuove opportunità emergenti e ri-adeguazione del piano d’impresa (Business Model Innovation)

Inserisci le tue credenziali per continuare il processo di candidatura

Email
Password